Home > News > Comunicati Stampa Finanziari > Cda approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2014

Cda approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2014

Best Union Company S.p.A. approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2014. Ricavi +19% e EBITDA +26%. In calo il risultato operativo per effetto di alcune poste straordinarie.

  • Ricavi consolidati pari a 33.537 mila Euro (28.168 mila Euro al 30 settembre 2013) +19%
  • EBITDA pari a 2.922 mila Euro (2.327 mila Euro al 30 settembre 2013) +26%
  • EBIT pari a 181 mila Euro (pari a 1.024 mila Euro al 30 settembre 2013)
  • Posizione Finanziaria Netta negativa per 10.874 mila Euro (era attiva per 1.596 mila Euro al 31 dicembre 2013)

 Bologna, 13 novembre 2014 – Il Consiglio di Amministrazione di Best Union Company S.p.A., riunitosi oggi, ha preso visione ed approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2014.

I Ricavi Netti del periodo gennaio-settembre 2014 sono stati pari a Euro 33.537  migliaia contro Euro 28.168 migliaia realizzati nello stesso periodo del 2013 ed evidenziano un incremento di Euro 5.369 migliaia,  pari a circa il 19%, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

L’incremento dei ricavi del periodo gennaio-settembre 2014, rispetto all’analogo periodo dell’esercizio 2013, è dovuto principalmente alla crescita dell’attività sui clienti esistenti, all’acquisizione di nuovi clienti e progetti, nonchè all’ampliamento del perimetro di consolidamento con l’inserimento del Gruppo Irec (circa 4 mesi).

L’Ebitda è pari a Euro 2.922 migliaia contro Euro 2.327 migliaia del periodo   gennaio- settembre 2013 (+26%) ed evidenzia un incremento di Euro 595 migliaia ed un miglioramento anche dell’incidenza che passa dal 8,26% al 8,71%.

L’Ebit è pari a Euro 181 migliaia contro Euro 1.024 migliaia del periodo gennaio – settembre 2013 ed evidenzia un decremento di Euro 843 migliaia.

L’andamento del risultato operativo dei primi nove mesi del 2014 e il decremento rispetto al medesimo periodo del 2013 riflettono eventi straordinari tra i quali si segnalano principalmente i costi sostenuti per l’acquisto del Gruppo Irec e una svalutazione straordinaria dei crediti relativi ad alcune posizioni rilevanti conseguente all’accesso di clienti a procedure concorsuali.

Leggi l’intero comunicato stampa