Home > News > La Bella di Tiziano si mostra a Palazzo Grimani
News — 10 gennaio 2014 11:38

La Bella di Tiziano si mostra a Palazzo Grimani

La-Bella_locandinapersitoLa sontuosa residenza cinquecentesca della famiglia Grimani, a Venezia, recentemente rimessa a nuovo, fino al 26 Gennaio ospiterà La Bella, un vero e proprio capolavoro del Maestro di Pieve di Cadore, Tiziano, in prestito dalla Galleria di Palazzo Pitti a Firenze. Si tratta di un dipinto raffigurante una giovane riccamente agghindata sulla cui identità gli storici dell’arte si sono divisi: una nobildonna, forse Eleonora Gonzaga, duchessa d’Urbino, o una sconosciuta cortigiana?

In realtà, secondo le ultime indagini di provenienza anglosassone, pare che l’intenzione dell’autore fosse di raffigurare un ‘immagine di bellezza femminile idealizzata. Da poco restaurato dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, il quadro è stato portato a Venezia grazie a una serie di scambi tra istituzioni museali pubbliche. A Palazzo Pitti, infatti, fu concesso, per alcuni mesi, il dipinto di Hyeronimus Bosch Le Visioni dell’Aldilà, conservato proprio a Palazzo Grimani. Il progetto espositivo è stato realizzato da Giulio Manieri Elia e Fausta Navarro e promosso dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio storico, artistico ed etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Venezia e dei comuni della Gronda lagunare e prodotto da Venezia Accademia.
L’opera, collocata nella cosiddetta Sala della Tribuna, è accompagnata anche da una serie di materiali illustrativi dell’intervento di restauro curato dall’Opificio fiorentino, eseguito da Patrizia Reitano con la direzione di Marco Ciatti a seguito di un’accurata campagna di indagini scientifiche.

Per non perdere l’occasione di ammirare un simile capolavoro non avete altro da fare che contattare il call center del Gruppo Best Union che, da anni, gestisce la biglietteria e il booking per l’istituzione veneziana e vi garantisce una prenotazione on line o telefonica sicura ed affidabile, affrettatevi!

 

Visita il sito

www.palazzogrimani.org